Category: News

“La macchina futurgrafica” un libro di Marco Carbone

Non solo fotografia, l’altra mia grande passione è la scrittura. Per questo ho da poco pubblicato un romanzo giallo dal titolo “La macchina futurgrafica”. Un libro per tutti e in particolare per gli amanti del genere.

Ambientato nella mia Sicilia, racconta le vicende di un ragazzo, Peppino, che, entrato in possesso di una macchina fotografica d’epoca, si troverà suo malgrado a seguire le orme di un pericoloso assassino seriale. Insieme al suo inseparabile amico d’infanzia Ninni, giornalista presso il quotidiano locale, si serviranno della macchina futurgrafica per provare a porre fine a dei macabri omicidi che hanno scosso la quiete del paesino in cui vivono. Allo stesso tempo, il commissario di polizia Eugenio Bellavista è alle prese con due complicati filoni d’indagine che sembrano condurlo nella stessa direzione: quella della macchina futurgrafica.

Il libro è disponibile sia in formato cartaceo (spedizione in pochi giorni) che in formato ebook (scaricabile subito!) su diversi siti. Ecco un elenco:

Ilmiolibro.it  La macchina futurgrafica

Amazon.it La macchina futurgrafica

LaFeltrinelli.it La macchina futurgrafica

Mondadoristore.it La macchina futurgrafica

Ibs.it La macchina futurgrafica

Non mi resta che augurarvi buona lettura!

Marco Carbone

 

Mostra fotografica “architettura e paesaggi” – Lucca, 5 maggio 2018.

Ho il piacere di annunciare che da sabato 5 maggio 2018 alcuni dei miei scatti saranno esposti presso la sede del Centro Clinico DAS di Lucca sito in Viale Puccini 1780. L’apertura della mostra è fissata per le 17.30. Vi sarà una presentazione delle opere accompagnata da un piccolo aperitivo. Le opere rimarranno esposte per alcuni mesi e sarà possibile acquistarle. Vi aspetto numerosi!

Marco Carbone Photography

 

At home at Margret’s

It’s a late summer Saturday morning in Meckenheim, a little German town a few kilometres south of what was, until 1990, the capital of West Germany, Bonn. The day is partially cloudy but with a pleasant temperature and occasionally a shy ray of sunshine peeks through the cloud cover. I drive the few blocks that separate my girlfriend Lilian’s house from the house of Margret by car. My Nikon D750 is with me, in the backpack, together with the rest of the equipment. I am very excited about the job that awaits me: Margret has invited me to her house to photograph her splendid sculptures. A truly unique opportunity, given that, until today, I had only taken photographs of sculptures when strolling through the cities I’ve visited, but never at home, and in company, of the artist who created them.

Shooting a sculpture is a bit like taking a portrait of a person. A sculpture, however, you cannot ask for a smile, to show an expression or emotion other than the one it was given. A sculpture is the expression of the artist’s mind that created it and as a photographer it is my job to document his/her work without risking making it mine, thus allowing the artist’s message, in this case the sculptor’s message, to unbiasedly reach the people that will see it through my photos. And this is exactly what I’m going to do.

Margret is a very well-known and appreciated sculptor in the Bonn area, her works can be found in various exhibitions and are acquired at modest prices by private collectors. If there is a place that better than any other is able to show the essence of her art, it’s the house where Margret has been living for well 39 years now.

Just entering the house, I immediately notice some bronze sculptures, small ones, positioned inside a small cupboard with glass shelves. The first feeling is that this place will have a variety of pleasant surprises for me. Margret accompanies me to the living room where her husband sits in a comfortable armchair, with a newspaper in his hands, listening to a piece of classical music. It goes without saying that also here I spot numerous sculptures made of stone and bronze. Then, through a French door, we reach the garden of the house. It’s a wonderful place where the vivid colours of the roses and the lourishing green of the plants enter in symbiosis with the wrought stone. A place away from the daily life, where nature and art complement each other, merging in total harmony. All of a sudden, the grey sky opens and a ray of sun illuminates the garden. It’s the right moment to take out the photo camera and to take my photos.

Interview with Margret.

Hello Margret, tell us when your passion for art and especially for sculpturing was born?

I grew up in a crafts business – we had a bakery in Cologne and art wasn’t really a topic. There is a letter to my father – I must have been around 12 – in which I very romantically and narcissistically wrote that I would either become an author or a painter. This wore off with time. After the war and the early death of my father we rather had to make sure to survive and to get an adequate education in order to be able to fend and provide for ourselves. When I was about 45 years old and working as family therapist in an advice centre for marriage, family and prenatal conflict consulting, I was looking for other means of expressing ourselves besides language – on the one hand for my clients, but on the other for myself. And of course also to deviate the high emotional pressure. Then I went on a retreat and drove to the sea. There for the first time I took clay into my hands. When I came back home I was looking for my first teacher – that was the beginning.

Today your works are known and highly appreciated in artistic and cultural environments in Bonn and surroundings. Your house – which I had the pleasure to visit – resembles a real art museum. Did you ever, as young girl, imagine that this would one day happen?

No, no way I could have imagined this when I was a young girl. The way I live today is actually quite unusual considering my family origins. After all we were always bound to crafts and trade. After my retirement as family therapist I extended my hobby and took up sculpture studies. In this process, it seemed most natural to combine my sculptures step by step with my garden and house. Visits of friends, neighbours and of other artists in summer or autumn time always supported me along my way. And – very important – I had full support and freedom from my husband, especially to turn the garden into an art landscape. This way we live today in an always changing garden scope, and subject to the topics that touch me in the course of time and that I canconvert into an artistic form.

I know that some of your works are related to particular moments in your life and are thus the result of emotions and feelings that you at that time have lived and experienced yourself. Would you like to tell us about one of those moments?

To answer your question whether there is objects that are in direct connection to my own lived emotions and feelings, I can absolutely confirm this. One and a half years ago I became very ill. After many years of carefree health this was a deep fall into the feeling of sheer pain, helplessness and fear of death. I was afraid of dying – and especially during the nights, when sleep didn’t protect me from those feelings and pondering, the fear was dancing around my bed and penetrated my discouraged soul. Of course, daylight brought back brightness and thus also the control and strength to deal more maturely with the unalterable. Anyway, I wanted to transform this process artistically. This is how the bronze sculpture “dance of fear” came into being. It is almost faceless, but at a closer look one can see its witchlike traits. And it has a hollow belly in which it could have devoured me had I given up.

Is a sculpture for you an exact copy of what you have imagined in your mind or can a sculpture also evolve and change in the course of its creation?

During my sculptor studies, which I started after I retired at 60, we always had to build models before working on a huge stone, a big piece of wood or a subject relevant sculpture. The goal was to train the perception; model and realization had to match exactly. During my own, free works today I often have to smile when I look at its own way the piece of art pursued. I trust in myself and welcome the change that happens through and in front of me.

For an artist, what is the ideal place to create his/her art? And you, where do you realize your sculptures?

You ask me for an ideal place to create art. I can only say: there are favourite spots for me. One is in my kitchen, my kitchen table with view out of the window, entwined by a big green clematis. For a year now we are renting an old farmhouse in the countryside together with some artists and therapists. Interesting for me was – I have a beautiful studio in the barn – that also here I actually love to work in the old outer kitchen of the farmhouse with view out of the window. Why? I don’t know, I just feel it.

Which sculpture is for you of highest value? And which sculpture do you think is the most appreciated by the public?

A difficult question. I think I can’t answer it, because also in terms of value there are for me so extremely many facets and key points that are all depending on the moment. Something similar I experience in the response of the public. The viewer comes in contact with the work: it either becomes important for him/her or it doesn’t touch him/her at all. If it’s important to the viewer this is always an extremely personal experience, very individual and also here very dependent of the moment and the individual mental state.

What are your plans for the future?

Due to my illness my strength and energy are reduced and have changed. It’s not only a question of “more or less”, I’m rather on the way to feel and recognize what is essential – essential for me. This is where I redirect my energy.

Do you have recommendations for young artists, be it sculptors, painters or photographers?

This is difficult to generalize, because every young person is at a different point of its development and state of mind. I can only tell what is important on the way. That is for example the question: does the fire burn in me? And am I ready to pursue this path despite or better can I develop the strength to go through the ups and downs and to reconfirm the often endless processes that carry me further and let me advance? And how dependent am I on response and feedback? It helped me a lot not to have to go through those developments alone. Instead I have – as if I was to make a precious pearl necklace – always looked for people and teachers that shared and accompanied me on each of the relevant and necessary steps. This was good for me in every respect. But also this I don’t want to generalize.

Statua nel giardino
« 1 of 13 »

A casa di Margret

E’ un sabato mattina di tarda estate a Meckenheim, piccola cittadina tedesca a pochi chilometri a sud di quella che, fino al 1990, fu la capitale della Germania Ovest Bonn. La temperatura è gradevole, il cielo perlopiù annuvolato e a sprazzi compare qualche timido raggio di sole. Sto percorrendo in auto quei pochi isolati che separano la casa della famiglia di Lilian, la mia ragazza, dalla casa di Margret. La mia Nikon D750 è con me, dentro lo zaino, insieme al resto dell’attrezzatura. Il lavoro che mi attende è eccitante: Margret mi ha invitato a casa sua per fotografare le sue splendide sculture. Davvero un’opportunità unica, dato che, fino ad oggi, mi ero divertito a fotografare sculture in giro per le città che ho visitato e mai a casa, e in compagnia, dell’artista che le ha create.

Fotografare una scultura è un po’ come fare un ritratto di persona. A una scultura, però, non puoi chiederle di sorridere, di mostrare un’espressione o un’emozione diversa da quella che le è stata data. La scultura è l’espressione del genio dell’artista che l’ha realizzata e come fotografo devo cercare di documentare il suo lavoro senza rischiare di farlo mio, lasciando che il messaggio dell’artista, della scultrice in questo caso, giunga intatto alle persone che lo vedranno attraverso le mie foto. Ed è proprio quello che farò.

Margret Zimpel è una scultrice tedesca molto conosciuta e apprezzata nell’area di Bonn, le sue opere sono presenti in diverse mostre e vengono acquistate per cifre discrete da collezionisti privati. Se c’è un luogo che meglio di ogni altro è in grado di mostrare l’essenza della sua arte, questo, è la casa dove Margret vive da ben 39 anni.

Appena entrato in casa, noto subito alcune sculture bronzee, di piccole dimensioni, posizionate all’interno di un armadietto con scaffali in vetro. La prima sensazione è che quel posto mi riserverà diverse e piacevoli sorprese. Margret mi accompagna nel salone dove suo marito è seduto su una comoda poltrona, con un giornale in mano, e ascolta un brano di musica classica. Anche lì, neanche a dirlo, numerose sculture in pietra e in bronzo si prendono la scena. Poi, attraverso una portafinestra, giungiamo nel giardino di casa. E’ un luogo meraviglioso dove i colori vivi delle rose e il verde ancora rigoglioso delle piante entrano in simbiosi con la pietra lavorata. Un luogo fuori dalla vita di tutti i giorni, dove natura e arte si completano, fondendosi in totale armonia. All’improvviso il cielo grigio si apre e un raggio di sole illumina il giardino. E’ il momento giusto per tirare fuori la macchina fotografica e scattare le mie foto.

Segue l’intervista a Margret Zimpel.

Ciao Margret, raccontaci quando e come è nata la tua passione per l’arte e per la scultura in particolare.  

Sono cresciuta in un’azienda di artigianato: avevamo un panificio a Colonia e l’arte non era una priorità. In una lettera indirizzata a mio padre – dovevo avere circa 12 anni – ho scritto molto romanticamente e narcisisticamente che sarei diventata un’autrice o una pittrice. Questo desiderio si è esaurito col tempo. Dopo la guerra e la morte prematura di mio padre, dovevamo piuttosto assicurarci di sopravvivere e di ricevere un’educazione adeguata per essere in grado di difenderci e provvedere a noi stessi. Quando avevo circa 45 anni e lavoravo come terapeuta familiare in un centro di consulenza per il matrimonio, la famiglia e i conflitti prenatali, stavo cercando altri modi per esprimermi oltre al linguaggio – da una parte per i miei clienti, ma dall’altra per me stessa. E, naturalmente, anche per distrarmi dall’alta tensione emotiva. Poi mi sono ritirata e ho guidato fino al mare. Lì per la prima volta ho preso l’argilla nelle mie mani. Quando sono tornata a casa ho cercato il mio il mio primo insegnante d’arte – quello è stato l’inizio.

Oggi le tue opere sono conosciute e apprezzate negli ambienti artistici e culturali di Bonn e la tua casa somiglia a un vero e proprio museo d’arte. Hai mai pensato quando eri ragazza che un giorno questo sarebbe accaduto?

No, non avrei mai potuto immaginarlo quando ero una ragazzina. Il modo in cui vivo oggi è in realtà abbastanza insolito considerando le mie origini familiari. Dopotutto eravamo sempre legati al mestiere e al commercio. Quando, dopo il pensionamento come terapeuta di famiglia, ho ampliato il mio hobby e ho iniziato a studiare scultura, è stata un’idea ovvia combinare le mie sculture passo dopo passo con il mio giardino e la mia casa. Le visite di amici, vicini e di altri artisti in estate o in autunno mi supportano lungo la mia strada. E – molto importante – ho avuto pieno sostegno e libertà da mio marito, soprattutto per trasformare il giardino in un paesaggio artistico. In questo modo viviamo oggi in un’area giardino sempre mutevole, basata sugli argomenti che mi toccano nel corso del tempo e che posso convertire in una forma artistica.

So che alcune tue opere sono legate a particolari momenti della tua vita e, dunque, sono frutto di emozioni e sentimenti da te realmente vissuti in quei periodi, vorresti parlarci di una di esse?

Per rispondere alla tua domanda se ci sono oggetti che sono in diretta connessione con le mie emozioni e sentimenti vissuti, posso assolutamente confermarlo. Un anno e mezzo fa mi sono ammalata molto. Dopo molti anni di salute spensierata, questa era una profonda caduta nella sensazione di dolore puro, impotenza e paura della morte. Avevo paura di morire – e specialmente durante le notti, quando il sonno non mi proteggeva da quei sentimenti e meditando, la paura stava ballando intorno al mio letto e penetrato la mia anima scoraggiata. Naturalmente, la luce diurna riportava luminosità e quindi anche il controllo e la forza per affrontare in modo più maturo le inalterabilità. Ad ogni modo, ho voluto trasformare questo processo artisticamente. È così che è nata la scultura in bronzo “danza della paura”. È quasi senza volto, ma a uno sguardo più ravvicinato si possono vedere i suoi tratti da strega. E ha una pancia vuota che avrebbe potuto divorarmi se avessi rinunciato a combattere.

Una scultura deve essere la copia esatta di come è stata pensata, immaginata nella mente dell’artista, oppure la scultura può cambiare nel momento in cui viene lavorata?

Durante i miei studi di scultura, che avevo iniziato dopo il mio ritiro a 60 anni, ho sempre dovuto costruire dei modelli prima di lavorare su una pietra enorme, un grande pezzo di legno o una scultura rilevante per soggetto. L’obiettivo era allenare la percezione; il modello e la realizzazione dovevano corrispondere esattamente. Durante il mio lavoro libero, oggi, devo spesso sorridere quando guardo a modo suo l’opera d’arte perseguita. Confido in me stessa e accolgo il cambiamento che avviene attraverso e davanti a me.

Qual è il luogo ideale per un artista per creare la sua arte? E tu, dove realizzi le tue sculture?

Posso solo dire: ci sono dei posti preferiti per me. Uno è nella mia cucina, il mio tavolo da cucina con vista fuori dalla finestra, intrecciato da una grande clematide verde. Da un anno stiamo affittando una vecchia casa colonica in campagna insieme ad alcuni artisti e terapisti. Interessante per me è stato – ho un bellissimo studio nel fienile – che anche qui, in realtà, mi piace lavorare nella vecchia cucina esterna della fattoria, con vista fuori dalla finestra. Perché? Non lo so, lo sento e basta.

Qual è la scultura a cui tieni di più? E quale credi sia la più apprezzata dal pubblico?

Una domanda difficile. Penso di non poter rispondere, perché anche in termini di valore ci sono così tante sfaccettature e punti chiave che dipendono dal momento. Qualcosa di simile la noto nella risposta del pubblico. Lo spettatore entra in contatto con il lavoro: o diventa importante per lui o non lo tocca affatto. L’importanza per lo spettatore è un’esperienza estremamente personale, individuale e anche dipendente dal momento e dallo stato mentale individuale.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

A causa della mia malattia, la mia forza e la mia energia sono ridotte e sono cambiate. Non è solo una questione di “più o meno”, sono piuttosto sulla strada per sentire e riconoscere ciò che è essenziale – essenziale per me. È qui che reindirizzo la mia energia.

Hai dei consigli da dare ai giovani artisti, siano essi scultori, pittori o fotografi?

Questo è difficile da generalizzare, perché ogni giovane si trova in un punto diverso del suo sviluppo e del suo stato mentale. Posso solo dire cosa è importante. Questa è, ad esempio, la domanda che dovrebbero porsi: il fuoco brucia in me? Sono pronto a seguire questa strada? O meglio, posso sviluppare la forza per superare gli alti e bassi che verranno e riconfermare i processi spesso infiniti che mi portano oltre e mi fanno avanzare? E quanto sono dipendente dalla risposta e dal feedback? Per me è stato molto d’aiuto non dover superare da sola questi momenti. Ad esempio, come se dovessi fare una preziosa collana di perle, ho sempre cercato persone e insegnanti che mi accompagnassero in ognuno dei passi rilevanti e necessari. Questo è stato positivo sotto ogni aspetto. Ma, lo ripeto, non mi sento di generalizzare.

« 1 of 13 »

 

Akershus Fortress in Oslo

Akershus Fortress (Akershus Festning in Norwegian language) is a medieval castle that was built around the late 1290s by King Haakon V to protect Oslo. In that time, it became clear that the city’s existing defences weren’t effective and therefore a stronger defensive centre was needed.

Akershus Fortress has never successfully been besieged by a foreign enemy. However it surrendered without combat to Nazi Germany in 1940 when the Norwegian government evacuated the capital in the face of the unprovoked German assault on Denmark and Norway. Akershus Fortress has also been a prison, with a section of it known as The Slavery because the prisoners could be rented out for work in the city.

Today Akershus fortress is still a military area but is open to the public daily until 21:00. In addition to the castle, the Norwegian Armed Forces Museum and Norway’s Resistance Museum can be visited there.

From the big west and south-west facing walls of the fortress one is rewarded with a magical view over the Oslofjord with its islands and of Aker Brygge, a popular residential area for shopping, dining and entertainment. I chose the Akershus Fortress for one of my winter photo sessions as the sunset seen from there is always marvellous and with magnificent colours!

« 1 of 8 »

 

Norway: the charm of Trollstigen

One of the most exciting destinations that fjord tours through Norway are able to offer is, undoubtedly, the road of Trollstigen, which, literally translated from Norwegian language, means the Trolls’ Path.

Trollstigen is a serpentine mountain road with eleven hairpin turns and an average gradient of 12% on the rocky mountainside overlooking the valley. It was opened by the Norwegian King Håkon VII in 1936 and frequently modernized over the past years. This particular stretch of the road, with a length of about 12.2 km, is part of the much longer county road No. 63 (103 km in total) which is located south of Åndalsnes in the county of Møre og Romsdal.

In 2012, Trollstigen has been declared National Tourist Route in Norway.

During the tourist season Trollstigen is travelled by an average of more than 2,500 vehicles per day. In the period from autumn (usually from November) to late spring the road is closed and inaccessible. In this period, in fact, the area is subject to heavy snowfall and cold temperatures lead to the formation of ice which makes the road surface slippery and therefore very dangerous.

The Trollstigen Visitor Centre is situated in a mountain pass at an elevation of around 850 metres, the viewing platforms provide spectacular views of the Trollstigen road.

Trollstigen, view from below
Aperture: 11Camera: NIKON D5300Iso: 360
« 1 of 5 »

 


Il fascino del Trollstigen (versione italiana)

Una delle mete più eccitanti che il Tour dei Fiordi è in grado di offrire è senza dubbio il Trollstigen, ovvero la Scala dei Troll. Si tratta di una strada di montagna inaugurata dal re norvegese Haakon VII nel 1936, ammodernata nel corso degli anni, che con i suoi 11 tornanti e una pendenza media del 12% si arrampica sul fianco roccioso di una montagna che domina la valle. Il tratto di strada, della lunghezza di circa 12,2 Km, è parte della ben più lunga strada di contea n°63 (di 103 km) che si trova a sud di Åndalsnes, nella contea di Møre og Romsdal.

Nel 2012 il Trollstigen è stato dichiarato Strada Turistica Nazionale della Norvegia.

Durante la stagione turistica è mediamente attraversata da più di 2.500 veicoli al giorno e nel periodo dell’anno che va dall’autunno (tipicamente nel mese di novembre) alla primavera inoltrata la strada viene chiusa. In questo periodo, infatti, l’area è soggetta a forti nevicate e le rigide temperature portano alla formazione di ghiaccio che rende il manto stradale scivoloso e dunque molto pericoloso.

Il Trollstigen Visitor Centre è situato in un passo di montagna ad un’altitudine di circa 850 metri, le piattaforme di osservazione offrono una vista spettacolare.